La crocifissione 5

MAMMA! Quando, nel Venerdì santo, Maria incontrò Gesù ad un crocevia che portava al Golgota, furono queste le parole che uscirono dalle loro labbra: "Mamma!", "Figlio!".
Intorno a loro stava la bestemmia, la ferocia, lo scherno, la curiosità, la vendetta.
Perciò si intesero solo con lo sguardo, che è la parola dell'amore.
Con gli occhi velati dal pianto, Madre e Figlio si guardarono, si amarono, si compresero, si compatirono, si aiutarono.
Gesù, che aveva già parlato alle donne, incitandole a piangere sui peccati del mondo (Vangelo di Luca 23,27-31), piange senza parlare quando incontra Colei che è senza peccato.
La guarda attraverso il sudore, il pianto, la polvere, il sangue che fanno velo ai suoi occhi e vorrebbe abbracciarla.
In quell'ora di passione, infatti, più del velo della Veronica o di ogni altro soccorso, sarebbe stato di sollievo a Gesù il bacio della sua Mamma.
Ma anche questa tortura ci voleva per redimere le colpe umane più nascoste.
Maria avrebbe voluto piegare il cielo in soccorso del suo Gesù, alleviandogli non il supplizio - poiché questa doveva esser compiuto per decreto eterno - ma almeno la durata di esso.
Ma non poteva.
Era l'ora della Giustizia.
I loro sguardi si incontrarono, si allacciarono e poi si divisero lacerando i cuori, sotto la calca della folla che spingeva verso l'altare del sacrificio.
Fu questo, per Maria, il dolore più grande: non poter abbracciare, consolare, ristorare, medicare il suo Gesù.
Dal momento della sua Immacolata Concezione e per tutta la sua vita, la Vergine ha tenuto il capo di Satana sotto il suo calcagno (Libro della Genesi 3,15).
Ma non avendo questi potuto corrompere con il suo veleno il corpo e l'anima della Vergine, ha schizzato tale veleno sul suo cuore di Madre, addolorandolo senza misura.
Anche adesso che Maria è nella beatitudine del paradiso, le offese che facciamo a suo Figlio salgono come frecce a ferire il suo cuore di Madre, riaprendo le ferite del Venerdì santo.
Dall'alto della croce erano scese lente le ultime parole del Cristo.
Maria le aveva tutte raccolte, poiché anche un solo sospiro del Crocifisso era aspirato dalla sua sensibilità materna.
"Donna, ecco tuo figlio!" (Vangelo di Giovanni 19,26).
Maria ci dà la vita dello spirito attraverso il suo dolore, poiché se Lei era immune dalla condanna della sofferenza del parto e della morte (Libro della Genesi 3,16), per cui non soffrì nel dare alla luce Gesù e non soffrì nell'esalare l'ultimo respiro, il suo cuore si spezzò per darci la vita dell'anima.
Noi nasciamo alla grazia [...]

Leggi tutto l'articolo