La demagogia di pancia dei 5 Stelle nasconde nuovi attacchi ai diritti acquisiti: il caso dei vitalizi

Sezioni comuniste Gramsci-Berlinguer
per la ricostruzione del P.C.I.

di Paola Baiocchi
Per il Movimento Cinque Stelle la lotta ai privilegi e l'affondo totale alle cosiddette pensioni d'oro sono stati cavalli di battaglia elettorale. Ma più che cavalli questi temi sembrano ronzini di ritorno, se si valuta come sono stati concretizzati ed è netta la nostra convinzione che si tratti invece di prove generali per tastare il polso agli italiani prima di dare il via ad altri tagli alle pensioni, altri tagli ai diritti, da operare in modo retrospettivo.
La riforma molto fortemente sostenuta da Roberto Fico, presidente 5 Stelle della Camera dei deputati, ricalcola sulla base del metodo contributivo gli assegni e le reversibilità di ex parlamentari e dei loro sopravvissuti che hanno finora goduto del cosiddetto "vitalizio" e sono in genere parecchio anziani, perché sono stati eletti in Parlamento tra gli anni '60 e i '70, come spiega l'articolo de la Repubblica che alleghiamo (1).
Da n...

Leggi tutto l'articolo