La fauna della Timpa di Acireale

I fondali sono lavici sino a circa -30 metri, poi diventano sabbiosi e, oltre i -50-60 metri, prevalentemente argillosi.
A volte sono presenti delle piccole secche di blocchi lavici arrotondati. Nelle cavità dei fondali vulcanici trovano rifugio Polpi e Murene.
Nella zona più illuminata dai raggi solari sono presenti diverse specie di Cystoseria e di Sargasso.
I fondali sono molto ricchi di alghe calcaree libere (Melobesie).
Esistono circa 300 tipi di alghe appartenenti alle Rhodophyta (alghe rosse), Clorophyta (alghe verdi) e Phaeophyta (alghe brune).
Tra i pesci non è difficile incontrare giovani Monacelle, branchi di argentei Bianchetti, Ope e Salpe.
I fondali della Timpa sono inoltre famosi per la ricchezza di molluschi come gli Occhi di bue e i Ricci di mare.
Tra i crostacei sono comuni varie specie di granchi e paguri e più in profondità troviamo delle aragoste.
Un meraviglioso spettacolo offrono le pareti superficiali a strapiombo colonizzate da centinaia di coralli gialli e ros...

Leggi tutto l'articolo