La gaffe di Salvini che ricorda De André con "All'ombra dell'ultimo sole si era assopito un pescatore", dimenticando che quel pescatore "versò il vino e spezzò il pane per chi diceva ho sete e ho fame"

 
 
.
SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti
.
.
La gaffe di Salvini che ricorda De André con "All'ombra dell'ultimo sole si era assopito un pescatore", dimenticando che quel pescatore "versò il vino e spezzò il pane per chi diceva ho sete e ho fame"
E no, mio caro Matteo. Lo hai ricordato proprio con il verso sbagliato...
Il verso che il nostro vicepremier ha twittato è quello de "Il Pescatore", "All'ombra dell'ultimo sole/S'era assopito un pescatore. Ciao Fabrizio, grazie poeta!"
Mai gaffe fu tanto evidente. Tutti sanno (forse tutti tranne Salvini) che quel pescatore non indugiò: "Non si guardò neppure intorno/Ma versò il vino spezzò il pane/Per chi diceva ho sete ho fame"...
Dai Matteo... dare pane e vino a chi ha fame ed ha sete non è proprio tra le tue abitudini...
E poi... Ma ve lo immaginate quante glie ne avrebbe cantate il "poeta degli ultimi" al cinico razzista di Salvini? Come può Salvini nominare De André, quello che ha dedicato la sua poesia alle minoranze...

Leggi tutto l'articolo