La lunga notte della rivolta

Rivolta fascista, addirittura golpista e eversiva, cosi' giornali e tv bollarono quaranta anni fa i moti di Reggio Calabria.
Giudizio sbrigativo e parziale su una sollevazione popolare come mai se ne sono verificate nel nostro Paese.
Sette mesi di devastazioni e scontri, scioperi e blocco totale di scuole, trasporti e uffici pubblici, dopo lo scippo del capoluogo di regione.
Una vicenda nata da un fatto di prestigio mancato, e di relativo indotto economico andato in fumo, ma fu soprattutto l'ennesimo segnale della distanza che separava lo Stato da quel territorio, uno Stato incapace di capire quel popolo che si sentiva umiliato e condannato anche al sottosviluppo politico, oltreche' economico.
I fatti di quei terribili mesi dal luglio 1970 al febbraio 1971 vengono ora ricostruiti nel volume ''La lunga notte della rivolta' scritto da Mimmo Nunnari, giornalista reggino e attualmente vicedirettore della Tgr Rai.
E' un volume ricco di cronache e approfondimenti.
Nunnari cerca anzitutto di chiarire quanto sia vera la piu' grave di tutte le accuse, cioe' che la rivolta avesse fini golpisti.
''Questo libro -dice Nunnari- e' stato scritto per restituire la verità sulla sollevazione popolare urbana piu' lunga e drammatica del dopoguerra, rimasta nella memoria collettiva del paese col marchio bugiardo di rivolta fascista.
I giudizi e le opinioni di autorevoli personalita' della politica, della cultura e del meridionalismo di quel periodo, riportati nel libro, a cominciare dal presidente della Repubblica Giuseppe Saragat, a Giovanni Spadolini, a quell'epoca direttore del Corriere della Sera, a Peter Nichols editorialista di The Times e poi a Nicola Adelfi, Luigi Maria Lombardi Satriani, Nicola Zitara, Fortunato Seminara e altri, sono stati oscurati e ignorati da una congiura mediatica e politica che ha voluto appiccicare ai moti di Reggio l'etichetta di destra, mentre si trattava di una ribellione autenticamente popolare da inquadrare storicamente nell'ambito delle ribellioni meridionaliste con motivazioni essenzialmente legate all'assenza colpevole di uno Stato occhiuto e non governante, distante e con atteggiamento coloniale''.
In effetti, fuori dalle schematizzazioni ideologiche, anche all'epoca era difficile considerare eversive le anziane massaie vestite di nero che manifestavano a piazza Italia, o i ragazzi che lanciavano sassi e oggetti contro la polizia, o i facinorosi che per protesta contro lo Stato distruggevano pezzi della loro stessa citta'.
In realta' era rabbia per una decisione sgradita, che vedeva l'onore della [...]

Leggi tutto l'articolo