La mafia non perdona

Si chiamava Ruskin, un gatto randagio di Stavropol nella Russia meridionale, che era stato addestrato a collaborare con la polizia nella lotta al commercio illegale degli storioni pescati di frodo nel mar Caspio.
Si chiamava, perché è stato ucciso, investito da una automobile.
La polizia pensa ad una vendetta, in quanto la macchina investitrice sarebbe stata la stessa che Ruskin pochi giorni prima aveva aiutato a pizzicare.
Lascio a voi la morale.

Leggi tutto l'articolo