La maga

La magaLa maga, se sa, vede er futuroner grande specchio de la fantasia.Ce so' stato 'na vorta; ma lo giuro,l'ho fatto solo ne' scaramanzia.Ho detto: vojo vede che me dice,perche' nun se sa mai portasse bene,co' tre parole me pò fà felice:salute, sordi e amore senza pene.Nascosta tra le pezze e i candelieri,co' la palla de vetro tra le manime lesse tutto, puro li pensieri.Ma, forse perche' scritto troppo fino,nun ha saputo legge che li ladrime staveno rubbanno er motorino.Zambo (Giulio Zannoni)Da: Zambo 'na storia - Poesie in romanesco di Padre Giulio Zannoni S.J.

Leggi tutto l'articolo