La magia di un sogno - Corsara

Era ormai mattina e il cielo, là, fuori dalla finestra, cominciava a rischiararsi.
I miei occhi erano fissi su quell'immensità e i miei pensieri indugiavano pigramente sulla notte appena trascorsa.
Accoccolata in poltrona, con una leggera coperta sul corpo e i capelli sciolti sulle spalle, con una mano accarezzavo distrattamente la copertina del libro chiuso che giaceva sul mio grembo.
Avevo passato tutta la notte a leggere, troppo affascinata e appassionata dalle pagine che sfogliavo, per potermi interrompere, e comunque il sonno non mi aveva affatto avvicinata.
Ora che l'avventura era finita, sentivo un certo vuoto dentro, quel vuoto appagante e allo stesso tempo malinconico di quando hai scoperto tutti ciò' che dovevi scoprire e tuttavia avresti voluto non scoprire nulla per poter continuare la tua ricerca.
Avevo letto di battaglie e di amori, di uomini e dei malvagi e avidi di potere, ma anche di esseri forti e generosi, pronti a dare la vita per un sogno di giustizia e di pace.
Tu...

Leggi tutto l'articolo