La maledizione della rete per il Gruppo X

L'informazione al tempo di Internet deve essere una maledizione per quanti cercano di nascondere gli scheletri che hanno nascosto nell'armadio nel corso degli anni. Qualche tempo fa, prima di ritornare su Libero, mi avevano proposto di collaborare con un sito Internet da 9.000.000 di visitatori al mese. Avevo accettato. In fondo mi pagavano pure per fare questo.
Parlavo soprattutto di politica, come dovrebbe fare un qualsiasi portale che si rispetti. Tutto è filato liscio fino a quando non ho cominciato a toccare un argomento delicato, quello del Gruppo X, pubblicando fatti, notizie e documenti ripresi da fonti autorevoli e che hanno scatenato la pronta reazione del Gruppo in questione.
La redazione, infatti, è stata seppellita di proteste da parte di quanti mi accusavano di mentire e di fare propagande ostile. Lo staff mi ha così inviato un messaggio dicendomi di non occuparmi più del Gruppo X ma, davanti alla mia insistenza capocciona, mi ha disattivato l'account, mandando alle ort...

Leggi tutto l'articolo