La mercante di compagnia-parte prima

Un giorno, durante una passeggiata al mercato la Regina  incontrò una povera contadina rimasta pure lei sola. Vedova da pochi giorni. Qualche parente arrabbiato per questione ereditarie, freddi conoscenti. Storie non rare.
Mancavano pochi giorni a Natale. Piangeva. La sua solitudine dentro al suo cuore come un macigno. Le raccontò piangendo che non voleva trascorrere il giorno di Natale da sola. Aveva telefonato ad amici, parenti e conoscenti ma tutti le avevano chiuso la conversazione:  “Non posso siamo fuori”, “Non posso sono da parenti”, “Non posso siamo in famiglia”.
Non posso. La più grossa bugia che può raccontare un essere umano ad un altro. Il non posso molto spesso è un “Non voglio”, “Non è un problema che mi appartiene”, un “Mi frega niente del tuo dolore” , “ll tuo dolore potrebbe turbare la mia serenità”. Spesso il problema non è quello di rimanere sole ma il sentimento d’esclusione che ti fanno provare gli altri in quel loro modo implicito di dirti:- “No, non ti voglio”....

Leggi tutto l'articolo