La mossa del Pd: «Napolitano si ricandidi»

Quinto voto, verso un'altra fumata nera.
Sel sceglie Rodotà, Pdl assente.
Scheda bianca da Pd, Scelta Civica e Lega.
Monti: «Cancellieri possibile candidato di tutti».// online marketingROMA- Dopo Amato, Marini, Prodi, spunta il nome di Giorgio Napolitano.
Il Pd lavora a una riconferma del presidente - già interpellato da Berlusconi - e una delegazione dei Dem salita al Colle ha chiesto ufficialmente la sua disponibilità ad essere rieletto, finora negata con chiarezza dallo stesso capo dello Stato.
Intanto al Quirinale si susseguono i colloqui con i leader politici: Napolitano ha incontrato separatamente il segretario del Pd Bersani e il leader del Pdl Berlusconi.
Nell'incontro con Bersani «si sono passate in rassegna tutte le ipotesi», riferiscono fonti del Quirinale.
Previsti anche colloqui con Mario Monti e con un gruppo di presidenti di Regione e grandi elettori, di diversi schieramenti politici.
I vertici del Pd stanno inoltre incontrando i vertici della Lega per verificare una possibile convergenza sull'ipotesi di confermare Napolitano.
L'ipotesi del Napolitano-bis piace anche al Pdl.
«Voglio ricordare che noi all'inizio avevamo auspicato la possibilità di una riconferma ma fu bloccata da una valutazione che venne dagli stessi livelli istituzionali» spiega Fabrizio Cicchitto.QUINTO VOTO - Intanto sembra destinata all'ennesima fumata nera la quinta votazione per l'elezione del presidente della Repubblica, aperta poco dopo le 10 alla Camera dalla presidente Laura Boldrini, che ha ricordato come sia sufficiente la maggioranza assoluta dei voti (metà più uno).
Pd, Scelta Civica e Lega votano scheda bianca, il Pdl non partecipa allo scrutinio.
I parlamentari di Sel hanno confermato la decisione di votare Stefano Rodotà, così come i 5 Stelle, compatti sin dalla prima votazione sul nome del proprio candidato.
«Se il Pd non convergerà su Rodotà andrà incontro a un suicidio perfetto» prevede Nichi Vendola.MONTI - Mario Monti ha spiegato in una conferenza stampa la decisione di Scelta Civica: votare scheda bianca per favorire un rasserenamento del clima, con la volontà di far convergere su Anna Maria Cancellieri (che venerdì ha ottenuto 78 voti, 9 in più di quelli dei deputati e senatori montiani) gli altri partiti.
«Speriamo che questo turno di scheda bianca aiuti tutti i partiti a vederla come una personalità che potrebbe diventare una scelta istituzionale di tutte le forze politiche.
Dalla rete emerge che il Paese che ha disperato bisogno di una vera e profonda cultura della legalità, del senso e del [...]

Leggi tutto l'articolo