La nascita in cifre

   
[ Home ] [ Cartoline di Carbonia ] [ Carbonia estate ] [ Immagini ] [ Link ] [ Numeri utili ] [ Servizi ] [ Storia di Carbonia in cartolina ] [ Zone mineralogiche ]
E-mail
I lavori, cominciati virtualmente nell’ultimo trimestre del 1937, si compirono nel dicembre 1938, con l’impiego di circa 1.000.000 di giornate lavorative. L’importanza dello sforzo compiuto trova commisurazione nel quantitativo di pietrame impiegato, pari a circa 250.000 metri cubi.
La zona disagiata, quasi disabitata, lontana da centri di vita di una certa importanza, rese necessario l’affluire delle maestranze dal rimanente dell’isola e, in piccola parte, anche dal Continente. Per l’ingente massa operaia (oltre 3.000 operai edili), si dovettero disporre baraccamenti, vettovagliamenti, approvvigionamento idrico e cucine. (Queste informazioni sono state tratte da "L’Economia Nazionale").
L’approvvigionamento idrico del nuovo centro era assicurato da un acquedotto che captava le sorgenti di Caput Acquas, sollevand...

Leggi tutto l'articolo