La piggion de casa

La piggion de casaNun pôi (1) sbajjà ssi vvôi.
(2) Cquà ssu la dritta,ner comincio (3) der vicolo de Bbranca,doppo tre o cquattro porte a mmanimanca (4)te viè (5) in faccia una pietra tutta scritta.Svorta er collo tra ll'oste e ll'artebbianca (6)e ppropio attacc'a cquella casa sfittallì a ppianterreno sciabbita er zor Titta (7)er barbiere a l'inzeggna de la scianca.
(8)L'hai capito mó adesso indove arresta? (9)Bbe', ddomatina tu vvàcce a cquest'ora,ché ll'ora lui de nun trovallo è cquesta.Di': «Cc'è zor Titta?» «No».
Tu ddijje allora:«Disce zia che a ppagà viè st'antra (10) festa (11)ché gglieri (12) lei lo rifasceva fora».
(13)Note:1 Non puoi.2 Se vuoi.3 Principio.4 A mano manca.5 Ti viene.6 Venditore di minestre ed altri minuti.7 Ci abita il signor Giovan Battista.8 I barbieri de' luoghi meno civilizzati di Roma usano ancora la vecchia insegna di una gamba in salasso, dinotante la flebotomia, al cui esercizio erano essi obbligati, cosa che va cadendo in disuso.9 Resta.10 ...

Leggi tutto l'articolo