La pista azzurra

  Le piste azzurre mi sono sempre piaciute, mi stemperano la tensione pregara.
E questa di Cinisello è azzurra.
In fondo quella ottenuta stasera è pur sempre la miglior prestazione (in gara) della mia seconda era.
Per questo motivo e per le buone sensazioni riscontrate, rimango soddisfatto del mio 55"34 (un secondo e 2 decimi meglio della mia gara di Carugate) , che mi vale la seconda posizione della mia serie, ai campionati regionali assoluti, aperti anche ai master.
Il passaggio è stato buono e controllato, in 26"46 (Raffaele mi dirà fino ai 200 eri un po' contratto e lo hai pagato nel finale), la seconda parte poteva essere un mezzo secondo meglio se non avessi mollato stupidamente gli ultimi 10 metri, dopo aver visto 54"46 sul tabellone, convinto (nella poca lucidità cerebrale del momento) che fosse il mio tempo, mentre era iin realtà il tempo del primo.
Partito in sesta corsia, non conoscendoo i miei avversari, mai visti prima, sulla bellissima pista di Cinisello non avevo riferimenti quindi  ho lasciato andare il cuore e le gambe, a sensazione; fino al rettilineo finale rimango in testa.
Poi mi affianca e sopravanza di poco agli 80 metri dall'arrivo un atleta che mi finirà di poco davanti, tenendo meglio di me nel finale.
Qui, il video della gara.
Va bene così, era l'ultima gara prima dell'estate.
Ora un po' di divertimento in allenamento, in cui vorrei togliermi lo sfizio di migliorare il PB sui 300mt, e poi ad ottobre i campionati regionali master.
Poi, nel 2010 si corre in tempi decenti (52") o si molla! E di mollare non ho nessunissima intenzione!   Alla prossima  

Leggi tutto l'articolo