La preghiera de 'na madre

La preghiera de 'na madre (Miseria e dolore) «Madonna mia, Madonna benedetta, Voi che fate le grazzie in tutte l'ore, Fateme guarì bene 'sta pupetta Nun me fate più vive ner dolore!» Ma che peccati à fatto 'sta fijetta Che sta male ogni tanto?...
Pòro amore! Ogni vorta che tossi, sento ar core Come che me ce dassero 'na stretta! «Madonna mia, su 'sto monnaccio infame Lotto co' la miseria e co' la fame! Nun ciò gnisuno che me dà un conforto! E mi' marito, poveretto, è morto L'antr'anno sur lavoro!....
E mo' 'sta fìa Me s'è ammalata e io me so' avvelita! Levàtejela voi 'sta malatìa, E doppo, appena che sarà guarita.
Fate che mòra io, Madonna mia! » Antonio Camilli Roma, 1904 Tratto da: Poesie Romanesche, Roma, Tipografia Industria e Lavoro, 1906, pag.
52

Leggi tutto l'articolo