La prima guerra mondiale

LA PRIMA GUERRA MONDIALE Nonostante la corsa alle colonie, il vero e proprio scontro la le potenze occidentali si svolse nel cuore dell'Europa, in corrispondenza del cedimento del sistema di alleanze che erano state intessute dal cancelliere Otto von Bismarck (sistema bismarckiano ) per mantenere pace e stabilita.
Alla vigilia della IGM l'Europa è divisa in due blocchi: TRIPLICE ALLEANZA: Italia, Germania, Impero austriaco (1882) contro TRIPLICE INTESA: Francia, Gran Bretagna e Russia (1907).
LE PRINCIPALI CARATTERISTICHE DEGLI STATI DELLA TRIPLICE ALLEANZA GERMANIA (rivedi anche parte relativa all'unità di Germania su appunti).
La disgregazione del sistema bismarckiano fu causata dalla politica aggressiva dell'Imperatore Guglielmo II (1888), successore di quel Guglielmo I che aveva unificato la Germania grazie all'azione di Bismarck.
Con Guglielmo II la Germania compì un grande passo verso l'industrializzazione e la modernizzazione.
Il paese ebbe un grande sviluppo economico grazie agli junkers (classe di proprietari terrieri e di militari che avevano guidato l'unificazione) e ai grandi industriali, sotto una monarchia (quella di GII) forte e autoritaria.
Al potere c'erano partiti di destra e di centro e la sinistra socialista (SPD) era di tipo riformista.
Guglielmo II portò avanti una politica aggressiva in Africa e in Europa, ispirata (in Europa) al PANGERMANESIMO = progetto di unificazione di tutti i tedeschi sparsi in Europa sotto una Grande Germania (progetto che sarà fatto proprio da Hitler).
Le spese militari aumentarono notevolmente e la Germania formò un esercito e una flotta potentissimi, grazie anche allo sviluppo dell'industria pesante (acciaierie) e militare.
IMPERO AUSTRO-UNGARICO (Asburgico) L’impero asburgico, impero unico ma diviso nelle due corone di Austria e Ungheria, era agitato da forti tensioni interne e da spinte nazionalistiche, che già abbiamo visto nell'800.
Nella parte austriaca, ad esempio, c'erano spinte autonomistiche nelle terre di Trento e Trieste (le cosiddette terre irredente rivendicate dall'Italia), in Moravia e Boemia (ex Cecoslovacchia), in Polonia; anche in Ungheria c'erano popoli come Rumeni, Croati, Slovacchi che aspiravano all'indipendenza.
In politica interna erano forti le tensioni tra cattolici e socialisti; nel 1907 era stato concesso il suffragio universale maschile.
Dal punto di vista economico, l'impero aveva struttura essenzialmente rurale, anche se c'erano ampie aree industrializzate (Boemia).
LE CAUSE DELLA I GUERRA MONDIALE CAUSE POLITICHE Gli stati europei [...]

Leggi tutto l'articolo