La prima regola è... (spoiler)

Nel 1999 uscirono molti capolavori del cinema,  film del calibro di Eyes wide shut o il primo Matrix quell'anno riempirono le sale cinematografiche, ma ci fu un altro film che non ebbe per niente successo al botteghino e che adesso è al 10° posto dei migliori film di tutti i tempi per la rivista inglese Empire e che la sua battuta principale è una delle battute più citate della storia del cinema "La prima regola del fight club è che non si parla del fight club".
                                                                     Fight Club di David Fincher tratto dall'omonimo libro di  Chuck Palahniuk fu quasi un flop quando uscì e solo dopo qualche anno diventò quel cult movie conclamato che è adesso, ma perchè? Fondamentalmente perché non  fu capito; i due trailer originalmente concepiti dal regista (visibili all'interno del DVD americano) erano incentrati sul vero significato del film cioè l'anti-conformismo ma i dirigenti della FOX che si aspettavano già enormi critiche decisero di optare per un trailer che evidenziasse il contenuto secondario del film, quello che balza agli occhi quando si guarda per la prima volta: la violenza.
Il regista si arrabbiò  non poco quando vide i trailer proiettati alle serate degli incontri WWE e UFC.
Certo di violenza ce n'è nel film sia nei gesti che nelle parole e nelle immagini: ci sono una buona dose di peni finti, di frasi scomode come quella pronunciata da Marla (Helena Bonham Carter) a Tyler (Brad Pitt) "Era dalle elementari che nessuno mi scopava così!" che all'inizio doveva essere "Voglio avere un aborto da te" ma la produttrice (Laura Ziskin) si oppose e Fincher consentì solo a patto che lei avesse accettato a scatola chiusa la frase che avrebbe scelto lui, una volta sentita disse che era meglio la prima ma a quel punto, in base all'accordo preso, fu scelta la seconda; per non parlare poi proprio della violenza fisica.
Brad Pitt ed Edward Norton per girare questo film hanno preso lezioni di pugilato, taekwondo e grapling e studiato le programmazioni UFC (oltre che, naturalmente, imparare a fare il sapone).
Nella scena in cui il narratore (Edward Norton) tira il primo pugno a Tyler, Fincher ha chiesto Norton e gli ha detto di tirare un vero pugno a Pitt; quindi l'espressione di dolore che vediamo è reale come lo è la risata di Norton subito dopo.
Questo appena citato non è l'unico caso di richiesta particolare su una scena da parte del regista; un altro esempio è la scena in cui i due protagonisti giocano a golf [...]

Leggi tutto l'articolo