La prima vera vittoria del populismo.Si con quel “taglio” vince il populismo

La prima vera vittoria del populismo.
Gliel’ha regalata il centrosinistra (Italia Viva e Pd). Accettare quel taglio senza altre riforme è il suicidio del riformismo. Ieri è morto il riformismo costituzionale.
Per 30 anni abbiamo avuto una corrente che, con tentativi di bicamerali falliti, referendum e proposte di riforma, è andata verso la speranza di dare dell’Italia una democrazia decidente, equilibrata nei poteri e più efficiente.
Ieri tutti i partiti, con l’eccezione di una Pattuglia di resistenti e oppositori coerenti, ha sancito la fine (per sempre?) di questo tentativo. Da oggi non c’è più né l’idea, né il proposito, né la possibilità (a meno di iniziative popolari di referendum estranee ai partiti) di riprendere in Italia un riformismo costituzionale.
Il nostro resterà il paese europeo con la democrazia più zoppa, che funziona peggio, appesantita da storture istituzionali, pesantezze, ridondanze, inefficienze decisionali che la rendono l’anello debole nel contesto europeo...

Leggi tutto l'articolo