La prima volta di papa Wojtyla in Comelico

Le vacanze dei papi fuori dalla residenza laziale di Castelgandolfo sono divenute ormai consuetudinarie, tanto che gli ultimi soggiorni di Benedetto XVI in Valle d'Aosta hanno avuto uno scarso interesse mediatico, così come la scelta di Joseph Ratzinger di tornare nella villetta di Lorenzago, dove Giovanni Paolo II per primo inaugurò questa usanza, provocherà poca attenzione, al di là dei confini locali e provinciali.
La prima vacanza di un papa tra i boschi e le rocce dolomitiche, invece, fu un evento di enorme interesse e di grande impatto emotivo.
Annunciata come una uscita domenicale, il 12 luglio di allora, per celebrare la messa nella festività di San Gualberto, patrono dei Forestali, e recitare l'Angelus nella piana di Pramarino in Val Visdende, la visita di Giovanni Paolo II fu poi delineata nei particolari, con l'ospitalità offerta dalla diocesi di Treviso, in una villetta attigua al "Castello di Mirabello", a qualche centinaio di metri dall'abitato di Lorenzago.
Karol Wojtyla...

Leggi tutto l'articolo