La ricerca musicale ed esistenziale di Carlo

di  Piero Murineddu


Sicuramente lo spirito d'avventura non manca in "Moby Dick, la balena bianca", romanzo di Herman Melville, ma è principalmente l'allegoria che bisogna leggervi, sia nei fatti narrati e sia in ciascun personaggio. Tra questi prevale il misterioso capitano Achab, che dopo aver perso una gamba in uno scontro con un capidoglio, organizza una spedizione unicamente per dar la caccia al gigantesco cetaceo, vero obiettivo che comunica all'equipaggio solo quando si trovano in altro mare. Al termine di un'infinita ed estenuante caccia, la baleniera e l'equipaggio viene trascinato dall'animale ferito nel suo vortice. Solo Ismale,narratore dell'intera storia romanzata, viene recuperato dopo un giorno ed una notte aggrappato ad una bara. Moby Dick, simbolo di tutto ciò che è ignoto ed inafferrabile per l’uomo.

 

Carlo Cabras ha usato la figura di Achab per raccontare se stesso attraverso la sua musica, ma nel contempo le grandi contraddizioni in cui ha vissuto l'u...

Leggi tutto l'articolo