La risposta di Sfera Ebbasta alla mamma di Corinaldo

Donatella Magagnini, mamma di una delle vittime della tragedia alla discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo, dove a dicembre 2018 sono morte 6 persone, in seguito al crollo di una struttura e al caos generato da uno spray al peperoncino, aveva duramente attaccato Sfera Ebbasta, artista che doveva esibirsi quella sera, accusandolo di avere "6 morti sulla coscienza" e di preoccuparsi più di postare foto da "idiota col pacco in bella mostra" piuttosto che mostrare reale cordoglio e dispiacere per l'accaduto.
Subito dopo la tragedia, dopo un unico post in cui il trapper si definiva "affranto", aveva immediatamente ripreso a postare foto agghindato come da copione (abbigliamento griffato, macchine di lusso sullo sfondo, dito medio in bella vista) con frasi tipo "Chi ha spaccato più di me nel 2018"? Oggi arriva puntuale la replica del cantante alle accuse di Donatella, con l'ennesima foto in posa e la didascalia: "Devo andare più veloce di chi mi odia".
Ulteriore conferma che a Gionata Boschetti- vero nome del rapper- continuano a interessare più il successo, la velocità e il "fly high" piuttosto che dover atterrare ed entrare in questioni terrene e giudiziarie.
D'altronde il suo pensiero è racchiuso tutto nelle sue strofe: io sono traquillo, easy, penso al business non perdo tempo ad infamare frate penso per me Strillano le ragazze, mi invidiano i ragazzi..E mi chiedi come si fa A fare i soldi, a fare la vita da star...A essere famoso come una popstar

Leggi tutto l'articolo