La scelta di Groucky

    "Nessuno saprà mai come il maresciallo Groucky, con 34.000 uomini  e 108 cannoni,riuscì a non trovarsi, quel mattino del 18, nè sul campo di battaglia di St.Jean, nè su quello di Wavre(...)La sua condotta fu incomprensibile: fu come se il suo esercito fosse improvvisamente sprofondato a causa del terremoto".
Con queste parole si espresse Napoleone a S.Elena, ricordando Waterloo.
In effetti i 34.000  soldati di Groucky erano una fetta consistente dell'armee du Nord.
E' probabile che se il maresciallo fosse riuscito a intercettare i prussiani impegnandoli in combattimento, la battaglia di Waterloo avrebbe avuto esiti diversi.
Molti storici hanno accettato come un dogma che la sconfitta di Waterloo sia da attribuire all'incapacità di Grouchy a entrare in contatto coi prussiani.
Egli aveva ricevuto da Napoleone ordini precisi, dirigersi verso Wawre.
Bisogna dire che non lo fece con molta celerità, convinto che Blucker fosse lì ad attenderlo.
Avendo udito colpi di cannone verso mezzogiorno   il valente Gerard lo spingeva ad andare in quella direzione, dove si trovava Napoleone, ma egli si mise tranquillamente a pranzare.
  Fu solo verso le 18 che un ordine di Napoleone gli disse di raggiungerlo al più presto....ma ciò comportava un ritardo di sei ore, moltiplicato per due, che fu fatale.
A quel punto le sue truppe si trovavano a 24 km dall'imperatore, mentre i prussiani gli erano parecchi chilometri più vicini.
Mancò al maresciallo l'elasticità di prendere decisioni autonome, ma il percorso assegnatogli da Napoleone lo allontanò di fatto dal campo di battaglia.
In guerra bisogna prendere decisioni rapide.
Dunque la sconfitta va attribuita ad entrambi.
certo, se il comando l'avesse avuto il suo subordinato Gerard..chissà...

Leggi tutto l'articolo