La scuola dovrebbe insegnare a difendersi dall’invasione della tecnologia. Invece fa il contrario

Una scuola che insegue qualsiasi moda e distilla conformismo.
Una scuola che smarrisce il senso del suo mestiere, formare a tutto tondo ragazzi e prepararli alla vita.
È questa la scuola italiana alla luce del suo rapporto con la tecnologia.Ormai siamo tutti consapevoli, nelle nostre case, nelle nostre famiglie, che esiste un problema di “difesa” dalle protesi elettriche ed elettroniche, dallo smartphone al pc, dal desktop al tablet: siamo invasi, esageriamo nell’uso compulsivo di questi strumenti, non sappiamo come convincere figli e nipoti a qualche filtro rispetto alla dipendenza dal web.
La scuola dovrebbe recepire questo cambiamento, farlo proprio e occuparsi di educazione digitale, di galateo digitale, di diete digitale.
Insomma: dovrebbe aiutare i ragazzi a distinguere le grandi opportunità offerte dalla tecnologia, che vanno tutte esplorate, dai rischi, che bisogna bene mettere a fuoco prima di provare a scansarli.
E invece la scuola che cosa fa? Pensando di cavalc...

Leggi tutto l'articolo