La situazione piccioni degenera. La prossima settimana esposto alla Procura.

  C’eravamo illusi di avere, se non trovato la soluzione, almeno un sistema per rendere il centro storico un posto più decente in cui vivere.
Purtroppo, a quanto pare, ci eravamo sbagliati.
Dopo i primi giorni in cui il nuovo addetto alla pulizia del quartiere ha dato grande prova di impegno pulendo a fondo le strade specie nelle zone infestate dai piccioni, da oltre una settimana non si vede traccia di interventi di pulizia.
Il guano stratifica, escrementi di altri animali ovunque, cartacce e altri rifiuti sparsi in giro.
Una chiazza di vomito (presumibilmente umano) trovata fresca sotto la famigerata impalcatura di via Don Minzoni sta lì a fermentare dallo scorso sabato e nessuno l’ha toccata.
Rimane un mistero perché il nuovo operatore non passi più per le vie del centro.
  Il problema maggiore rimane però quello del guano di piccione.
La situazione è preoccupante perché, oltre all’aspetto estetico, ci sono rischi per la salute non trascurabili.
La scorsa estate presentai un esposto al Comune e alla Asur di Fermo ottenendo due ordinanze di messa in sicurezza per due immobili fatiscenti e dimora di numerosissimi volatili.
A tutt’oggi tali ordinanze risultano disattese, mentre la situazione peggiora esponenzialmente giorno dopo giorno.
La prossima settimana, in mancanza di interventi seri, provvederò a presentare un ulteriore esposto, stavolta alla Procura della Repubblica.
  Luca Craia  

Leggi tutto l'articolo