La sorella de Matteo

La sorella de MatteoQuanno stavo a ccrompà (1) le callalesseè ppassato Matteo co la sorella.Sai che tte dico, Ggnacchera? ch'è bbella,ma bbella che ppiù bbella nun pô êsse.Lei s'è affermata (2) a ssalutà l'ostessec'annaveno a Ttestaccio in carrettella:e io j'ho ddato a llei 'na squadratellache mm'ha mmesse le bbuggere m'ha mmesse.Com'è llarga de cquì! cche bbella faccia!Ha ddu' occhietti, un nasino e 'na boccuccia,che cchi la pô assaggià bon prò jje faccia.Ah! jje volevo di' (3): ffior de mentuccia,si ttu vvôi fà cco mmé 'na fumataccia,ciò una pippa co ttanta de cannuccia.Note:1 Comperare.2 Fermata.3 Il seguente è un ritornello.Giuseppe Gioachino BelliRoma, 23 ottobre 1831 - Der medemo(Sonetto 227)

Leggi tutto l'articolo