La strega

La stregaSenza un filo de trucco, l'occhi bassi,li capelli tirati, tutta in scuro,ma bella da intontì, ecco che passiquasi in punta de piedi e muro murocome se nun volessi fatte vede.Arie de zitelluccia spaventatacome sempre, le tue.
Ma chi te credese nun se sa chi sei, se nun s'è vistomai da che sito sbuchi, mai in che sitoscappi a imbucatte quanno sei passata?E la passata che lasci? Quellafa mancà er fiato, tanto è birba: un mistoche sa d'un socché de pulito,de naturale, de sudarellafresca de gioventù che strilla amore.Tu sei una strega, forse.
Forse er visod'angelo, e l'annaturnvergognosa, e l'odorede verginella, tutto è una fattura.Ma io, da bon poeta, a un paradisociò da crede.
E se mai madrenaturafa sboccià ancora un fiorener tanfo che ciaccòra, è affare mio:me lo rimiro, me l'annaso, e addio.C.A.
ZanazzoDa Strenna dei Romanisti, 1963, pag.
477

Leggi tutto l'articolo