La via dell"alzati"

In questi tempi,  assai volatili, intrigati,  incerti, carenti di valori affratellanti e copiosi di quelli egotici, piuttosto provocatori di  paura, sparpagliamento ideale, chiusura e ripiegamento sepolcrino, guardare al futuro con fiducia e serenità è impresa difficile anche per i più temerari ottimisti.
Seppoi si è oppressi da certi frangenti vicissitudinali intimi, relati ai propri cari il cimento è pressochè impraticabile.
Ma come ha detto Papa Francesco: " di fronte ai grandi sconcerti del mondo e della vita abbiamo due vie: stare a guardare malinconicamente gli infossi di ieri e di oggi, o seguire la via di Gesù, dell'alzati, vieni fuori”.
Mi par desumere che starsene passivi nell'ingorgo pessimista della costernazione senza speranza, è scegliere la via vigliacca dell'autoseppellersi.
Mentre la via dell'alzati è il togliersi le bende della paura, sciogliere i lacci delle debolezze e inquetudini che ostacolano il cammino, rinculano e coartano l'esistenza a una atmosfera mortaccin...

Leggi tutto l'articolo