La violenza è la prima causa di morte e di invalidità. Nella quasi totalità dei casi le violenze non sono denunciate

Se le donne muoiono per il caldo ...
non è colpa degli uomini  “Il caldo di questi giorni può influire sull’umore e provocare questi danni”: così, pochi giorni fa, il tg4 ha commentato gli ultimi casi di violenza contro le donne.
Che dire dei casi di femminicidio che avvengono in inverno? In effetti, solo nei primi 15 giorni del mese di Luglio, sono state uccise 14 donne di cui ben 7 per mano di ex che non volevano essere lasciati.
A queste 14 se ne aggiungano altre 4, barbaramente aggredite, ma miracolosamente sopravvissute.
Ad una prima occhiata, tali dati sembrerebbero confermare la tesi del caldo, complice di 14 omicidi e 4 tentati omicidi.
Un’attenuante non di poco conto, non c’è che dire.
Eppure basta una sbirciatina veloce tra le ricerche Istat in merito alla violenza contro le donne per contestare e abbandonare definitivamente suddetta teoria.
L’indagine cui ci riferiamo riporta i risultati di un’indagine svolta nel [1], pubblicato grazie alla convenzione tra l’Istat, che ha condotto la ricerca, e il Ministero per i Diritti e le Pari Opportunità, che l’ha finanziata con i fondi del Programma Operativo Nazionale “Sicurezza” e “Azioni di sistema” del Fondo Sociale Europeo.
 Principali risultati Sono stimate in 6 milioni 743 mila le donne da 16 a 70 anni vittime di violenza fisica o sessuale nel corso della vita (il 31,9% della classe di età considerata).
5 milioni di donne hanno subito violenze sessuali (23,7%), 3 milioni 961 mila violenze fisiche (18,8%).
Circa 1 milione di donne ha subito stupri o tentati stupri (4,8%).
Il 14,3% delle donne con un rapporto di coppia attuale o precedente ha subito almeno una violenza fisica o sessuale dal partner, se si considerano solo le donne con un ex partner la percentuale arriva al 17,3%.
Il 24,7% delle donne ha subito violenze da un altro uomo.
Mentre la violenza fisica è più di frequente opera dei partner (12% contro 9,8%), l’inverso accade per la violenza sessuale (6,1% contro 20,4%) soprattutto per il peso delle molestie sessuali.
La differenza, infatti, è quasi nulla per gli stupri e i tentati stupri.
Nella quasi totalità dei casi le violenze non sono denunciate.
Il sommerso è elevatissimo e raggiunge circa il 96% delle violenze da un non partner e il 93% di quelle da partner.
Anche nel caso degli stupri la quasi totalità non è denunciata (91,6%).
È consistente la quota di donne che non parla con nessuno delle violenze subite (33,9% per quelle subite dal partner e 24% per quelle da non partner).
Le donne subiscono più forme di [...]

Leggi tutto l'articolo