Latte di cammella

  (...)Una serie di impronte di due persone diverse, la prima solo su bicchieri e stoviglie; la seconda sulle ante dell’armadio in camera da letto e sull’interruttore della lampada sul comodino.
      Totale tre persone con la vittima? L’involucro della confezione del preservativo?       Solo parziali e quasi sicuramente appartenenti alla vittima.
      Analcolico?       Arancia amara altrimenti è mal di stomaco assicurato.
      Se beve robaccia gasata è matematicamente sicuro che le verrà a fare compagnia un alligatore dell’Orinoco incazzato, che ridurrà in brandelli tutto l’impianto, dall’esofago a tutto il resto a scendere       Se ne intende?       Le faccio portare un Mimosa.
      Se è dolce non mi va.
      Mimosa secco.
Succo d’arancia e spumante brut con una fettina di kiwi, neppure l’ombra dello zucchero, niente ghiaccio, l’alcol lo si vede all’orizzonte, apparire come un miraggio tra le dune che non ti aspettavi tra un lago e l’altro in Lapponia al primo disgelo e i licheni mutano il paesaggio innevato in prati a primavera, renne e dromedari brucano increduli per l’abbondanza.
  Io prenderò un Cammella alla noce per restare al fresco nell’oasi.
      Cosa c’è dentro?       Latte di cammella e noci, lo si capisce dal nome.
      E il latte di cammella dove lo prendono?       Mungono la cammella.
Si munge come una vacca, una capra, tutti i mammiferi di genere femminile possono essere munti.
La storia del bagno nel latte d’asina la conosce?       Si, Cleopatra, Poppea.
      Io per la doccia uso il mio sapone perché non amo gli sprechi.
      E’ latte di cammella, quello vero?       .
  No, é una finzione.
E’ come cammellare.
Quando meno se l’aspetta ti pieghi in avanti, sposti il collo e imiti l’andatura del cammello.
E, così cammellato, conduci chiunque dove preferisci, fisicamente o mentalmente per convincerlo che quello che dici è vero, senza dubbi né tentennamenti, ci crede, lo hai trasportato a dorso di cammello attraverso il deserto, hai pellegrinato la carovana nel percorso che tu avevi prescelto, nella maggior parte dei casi non ci si accorge del condizionamento, nessuna ribellione, nessuna voce critica, nessuna opposizione, tutti perfettamente inconsapevolmente cammellati.
  E’ semplice latte con un’idea sgocciolata di nocino ma con molta fantasia.
      Così mi piace, mi stavo intristendo.
      Lo ammetto, ogni tanto mi faccio prendere dalla fantasia.
Col suo collega Nicolosi ne ho anche [...]

Leggi tutto l'articolo