Lavoro: le carte truccate del governo (*)

Lavoro: le carte truccate del governo (*)
 
L’evidente inattendibilità del tasso d’inflazione programmata indicato dal governo nel DPEF e le sue negative ripercussioni sull’imminente stagione dei rinnovi contrattuali, tanto più probabili dopo il penoso balletto di contraddittorie dichiarazioni in cui si sono esibiti, nell’arco di pochi giorni, presidente del consiglio e ministro del lavoro, presentano almeno un aspetto positivo: da esse, infatti, può derivare una spinta oggettiva a riprendere le fila del dialogo fra le tre maggiori confederazioni dopo le profonde lacerazioni degli ultimi mesi. E’ ancora presto, naturalmente, per dire se le ragioni di una rinnovata unità d’azione riusciranno a farsi valere nella misura che sarebbe necessaria per difendere con più efficacia il potere d’acquisto dei lavoratori minacciato dalle scelte di politica economica del governo. Certo è che quell’unità potrebbe essere facilitata, e resa più credibile, se alla questione salariale si intrecciasse una ...

Leggi tutto l'articolo