Le 13 regole di Chuck Palahniuk

Scrittura Creativa Con oggi iniziamo a fornire informazioni sulla 'Scrittura creativa'.
La 'Scrittura creativa', così come molte altre arti e attività, dispone di regole.
In molte attività si parla di qualità, nella 'Scrittura creativa' parleremo di regole.
Di regole ne esistono di vario genere e tipo, come regole di pensiero, regole di stesura, regole create da singoli autori o da corsi e scuole di scrittura, sono comunque sempre regole...si, avete capito bene: regole! Spetta allo scrittore adottare le regole che più gli aggradano e gli sono congrue.
Tuttavia molte di queste regole sono identiche per tutti.
Oggi iniziamo conle '13 regole di Chuck Palahniuk', a cui ne seguiranno altre.
Prima di esporle tentiamo di capire chi è Chuck Palahniuk.
  Chuck Palahniuk Chuck Palahniuk nasce il 21-02-1962 a Pasco, Portland (Oregon).
I suoi genitori, Carol e Fred Palahniuk, sono di origine francese e russa.
Il suo vero nome è Charles Michael "Chuck" Palahniuk.
Ha un fratello e quattro sorelle.
Sembra inizia a scrivere dall'età di sei anni, ma, come molti prima di intraprendere la carriera di scrittore svolge svariati lavori, tra cui il camionista, il meccanico, e il dj.
Si laurea all'Università dell'Oregon, e abbandona la scuola di giornalismo.
Come molti scrittori alle prime armi, il suo primo libro 'Invisible Monsters' venne rifiutato.
Chuck non si perse d'animo e scrisse quello che divenne il suo primo capolavoro 'Fight Club'.
Lo invio ad alcune case editrice, e una di loro non lo rifiutò.
Da questo romanzo venne tratto l'omonimo film con Brad Pitt ed Edward Norton, diventanto un cult.
  Romanzi pubblicati in Italia alla data odierna Fight Club (1996), Mondadori ISBN 8804520647 Chuck Palahniuk racconta la storia di un giovane come tanti che scopre che la sua rabbia per essere costretto a vivere in un mondo pieno di fallimenti e di menzogne non può essere soffocata.
Troverà sollievo per sé e per molti altri giovani, arrabbiati come lui, grazie a degli incontri di boxe clandestini, tenuti nelle cantine di bar, in garage deserti, in parcheggi abbandonati.
Romanzo profetico e provocatorio, "Fight Club" ha ispirato il film omonimo realizzato dal regista David Fincher con Brad Pitt e Edward Norton.
La postfazione al volume è firmata da Fernanda Pivano.
  Survivor (1999), Mondadori ISBN 8804521376 Tender Branson, ultimo membro sopravvissuto di una setta, narra la storia della sua vita alla scatola nera di un aereo che sta precipitando al largo dell'Australia.
In un crescendo delirante Tender racconta di quando viveva [...]

Leggi tutto l'articolo