Le Terre Selvagge 16

  Le strategie d'assalto furono infine definite: Torak, Ilde e Rassek si sarebbero lanciati alla carica contro l'Idra, mentre Alemon avrebbe utilizzato il suo arco e gli altri i loro incantesimi.
Altairon cominciò a formulare incantesimi per aiutarli nella battaglia: dopo essersi protetto con un incantesimo “Armatura Magica”, benedì il gruppo, e disse che aveva pronti alcuni incantesimi per il combattimento, che si sarebbero rivelati utili...
Rassek si avvicinò al palo e cercò di prendere lo strano teschio, ma nuovamente si manifestò il fantasma di Vorador, che vietò al lucertoloide di toccarlo.
Immediatamente Rassek ripose il teschio in cima al palo, chiedendo se qualcuno sapeva a che creatura appartenesse.
Altairon rispose che, secondo lui, si trattava di qualche creatura proveniente da un altro piano.
  Dal cancello si udiva il ruggito della Grande Lucertola, l'Idra temuta dai lucertoloidi.
Spalancarono il cancello e si lanciarono nella battaglia contro il mostro.
La creatura era a pochi passi da loro, le sue dieci teste erano tutte rivolte contro i suoi avversari.
Aramil lanciò il suo incantesimo, e Torak divenne più grande e forte.
Alemon scagliò la sua freccia, che colpì la bestia tra gli occhi.
E la prima delle teste crollò al suolo.
Altairon evocò la magia, scagliando un raggio di energia oscura contro il mostro, che ne venne indebolito.
Torak attaccò la testa dell'Idra, ma mancò il bersaglio.
L'idra reagì all'attacco, ma mancò il nano.
Anche Ilde attaccò la testa dell'Idra, e la colpì ferendola.
L'idra si vendicò della ferita, mordendo la nana.
Worland, dalle retrovie, inizio a formulare uno dei suoi incantesimi più potenti, e sopra l'idra si formò una tempesta elettrica.
Dal cielo cadde un fulmine, che colpì la testa ferita da Ilde, riducendola in cenere.
Rassek scagliò un giavellotto contro l'idra, ma il suo attacco si rivelò inutile.
L'idra si diresse verso Alemon, mentre le teste rimaste attaccavano i due nani, ferendo Torak e causando gravi ferite ad Ilde.
Torak colse l'occasione per staccare un altra delle teste dal collo del mostro.
Aramil lanciò un incantesimo, che gli permise di scagliare fiamme dalle mani e di cauterizzare i colli recisi, prima che le teste si riformassero.
Alemon, dopo essersi portato a distanza di sicurezza, scagliò altre due frecce, ferendo il mostro.
Altairon imitò Aramil, scagliando anche lui delle fiamme magiche, e dando il colpo di grazia ad altre teste.
Torak attaccò nuovamente, purtroppo mancando nuovamente il mostro, seguito da Ilde, con lo [...]

Leggi tutto l'articolo