Le amenità di un Paese allo sbando

Spulciamo le ultime risonanze governative, che ci bombardano dalla RAI e SKY, sono dati ufficiali dell’audience, con il 60% (40 il Governo+20 il PD) a favore del regime e il 40% tra tutte le opposizioni: e noteremo che, in base alla politica di intervento a favore dei carrozzoni di Stato, con un contentino di 100 milioni da parte di Cassa Depositi e Prestiti, l’Alitalia, appena 9 mesi dopo l’arrivo di Etihad, è già con l’acqua alla gola, tanto da cacciare su due piedi l’ad.
Silvano Cassano, una creatura ex-Fiat, infilato dentro la compagnia di bandiera, senza “vicinanza al settore”, ce lo dice il Presidente Montezemolo, cioè “senza esperienza alcuna”, ma liquidandogli qualcosa come 2,4 milioni di buonuscita, nonostante i risultati negativi! Ci colpisce anche la levata di scudi governativa contro il sindacato dei lavoratori del turismo (gente che percepisce in media 900 € al mese, ad eccezione dei neo-direttori “stranieri” dei musei, che ne percepiscono 10.000!), che si sono riuniti per protestare contro il Ministero che negava loro i soldi del contratto integrativo! Tutti, perfino il sindaco radiocomandato di Roma a vomitare contro questa gente, perché i turisti hanno dovuto aspettare fuori dal Colosseo per tre ore (i cartelli erano stati esposti il giorno prima!), a condannare e a parificare questi dipendenti pubblici, d’ora in poi, alle forze di polizia!!! Ma troviamo, al contempo, scandaloso che gli stessi sindacati, già saliti all’onore delle cronache per gli stipendi da nababbi che percepiscono, trucchino i loro bilanci (perché non hanno l’obbligo di presentare bilanci consolidati, in quanto “associazioni non riconosciute” in barba al famoso art.
39 della Costituzione!): per il calcolo della serva, tra soldi intascati dai lavoratori e quelli intascati dallo Stato (per i caf), si arriva ad un carico di oltre 2,2 miliardi, ma vengono denunciati, ahimè, solo 68 milioni! Cosa aspetta il Governo a ritirare almeno i suoi 19,4 milioni, visto che ai sindacati non servono? La domanda è: tutto questo denaro dove va a finire? Ultime notizie dal “fronte immigrazione”: mentre una massa ormai incontrollabile sta spingendo sul nostro confine orientale, dopo l’accordo di respingimento totale attuato da Slovenia, Croazia e Ungheria, e si precipiterà su Gorizia  da un momento all’altro, grazie all’incapacità cronica di reazione del nostro Governo, veniamo a sapere che in Siria, la Russia ha dispiegato una ventina di campi profughi, dove i rifugiati, tutti in zone sicure, ricevono [...]

Leggi tutto l'articolo