Le armi e le bombe dell'Isis esposte in un museo ad Erbil

Milano, 1 mar.
(askanews) - Mine anti carro, bombe, cinture esplosive usate dagli uomini dell'Isis esposte in museo.
La particolare installazione è stata inaugurata nel villaggio Kori di Erbil, capitale della regione autonoma del Kurdistan iracheno, dai peshmerga, che hanno combattutto aspre battaglie contro il califfato, la cui bandiera nera spicca fra gli oggetti di morte esposti.
Qui hanno deciso di mettere in mostra quanto hanno trovato e portato via dopo le loro battaglie.
Questa è solo una parte di quanto raccolto, "Abbiamo ancora una grande quantità di armamenti usati dall'Isis e saranno tutti esposti in questo museo" spiega un comandante peshmerga Sihad Barzani nel video girato dalla tv Ruwad.
Resti che rivelano molto delle modalità di combattimento dell'Isis, "armi di morte concepite dalla frenesia di uccidere il maggior numero di vittime", dice il giornalista della tv curda.
E fra queste armi di morte anche giocattoli, come questo peluche imbottito di esplosivi, per uccidere i bambini che si avvicinavano a raccoglierlo.

Leggi tutto l'articolo