Le avventure di Nemina

  Le avventure di Nemina   C’era una volta….
…un regno lontanissimo mille anni luce dalla terra: era un regno fatato dove c’era allegria e gioia di vivere.
I pesci nuotavano felici nelle acque profonde e cristalline dei mari mentre mormorio delle onde, che s’infrangevano giocose sulla battigia, aleggiava dolcemente nell’aria mescolandosi al cinguettio dei numerosi uccellini che svolazzavano felici nel cielo assolato di un azzurro meraviglioso.
I campi erano pieni di alberi in fiore, i paesi erano attraversati da limpidi fiumi i cui corsi d’acqua si tuffavano a cascata nelle acque dei laghi sottostanti.
Erano un regno incantevole, abitato da spensierate e felici fatine e dal loro capo, la regina madre.
Era una donna d’immensa bellezza, aveva i capelli color oro che illuminavano il volto sempre lieto e vestita di puro affetto non solo per il suo amato popolo ma anche per tutte  le creature viventi sulla terra, portando qua e là la pace, concordia e felicità.
Con tutti i cuori del suo regno ne formava uno solo di nome AMORE.
Noemi, chiamata da tutte le fate Nemina era la giovane fatina che aiutava la regina madre durante le missioni d’amore sul pianeta terra.
Era solita gironzolare allegramente per le strade del suo magnifico regno indossando un vestito scintillante che rendeva ancora più bella quando, all’improvviso, si ritrovata catapultata dalla regina madre in una nuova missione d’amore.
    Tratto dal libro: Il regno delle fate e le avventure di Nemina Autori: Maria Concetta Mangione e Caterina Sardanelli  

Leggi tutto l'articolo