Le forzature sono dei magistrati, ma le armi le forniscono i politici con le leggi che approvano

Dalla legge Severino alle nuove fattispecie come l’induzione indebita o il traffico di influenze fino allo “Spazzacorrotti” grillino, ai giudici sono stati forniti strumenti di ogni tipo per colpire la politica.
Io non so se la Fondazione Open abbia commesso qualche reato e se Matteo Renzi sia colpevole di ciò che non gli viene al momento attribuito dai magistrati, che lasciano questo compito ai giornali amici. Non lo so e non lo sanno neppure i pm di Firenze, che altrimenti ieri non avrebbero messo in scena la grande retata con oltre trenta perquisizioni negli uffici di una dozzina di imprenditori per – leggo su Repubblica – cercare «prove di eventuali irregolarità». Imprenditori che, attenzione, hanno finanziato la Fondazione senza nascondersi dietro prestanome ma, come usa dire oggi, mettendoci la faccia oltre che il portafoglio.
Quello che so sono due cose: 1. che questa operazione giudiziaria è l’ennesimo capitolo del golpe politico-giudiziario in corso dal 1992 in Italia; 2. che...

Leggi tutto l'articolo