Le grandi manovre per lo sbarco dell'iPhone in Europa

Si stanno componendo gli ultimi tasselli del puzzle che darà vita il lancio dell'iPhone in Europa.
E' di oggi la notizia dell'accordo raggiunto tra Apple e O2, la succursale inglese della spagnola telefonica per la vendita in Gran Bretagna.
Nel frattempo la Deutsche Telekom avrebbe stipulato con la casa di Cupertino un contratto in esclusiva per vendere il terminale in Germania, tramite la propria sussidiaria T-Mobile.
L'intesa, che dovrebbe essere reso pubblico questa settimana o al più tardi entro fine settembre, porterà il cellulare touchscreen nei negozi dell'operatore telefonico a un prezzo al pubblico (del solo apparecchio) di 399 o 499 euro o attraverso un contratto un canone mensile compreso fra i 49 e i 69 euro (il prezzo negli Usa è stato ribassato di recente da 599 a 399 dollari).
Sebbene non vi siano conferme ufficiali dalle parti, pare proprio che le entrate generate dal traffico voce e dati degli utenti saranno divise (come ancora non è noto) fra Apple e Dt.
A distanza di quasi tre mesi dal lancio negli Stati Uniti, avvenuto a fine giugno in collaborazione con la At&t, l'avveniristico terminale partorito dalla mente di Steve Jobs è ormai prossimo a solcare l'oceano per dichiarare guerra ai mostri sacri che dominano il mercato continentale: Nokia, Motorola e Samsung senza dimenticare le varie Rim (Blackberry), Palm (Treo) e High Tech Computer, Htc (che con Apple sta litigando per il marchio "Touch").
In Francia sarà Orange (gruppo France Telecom) a introdurre a catalogo il telefono di Apple.
E in Italia? La pista Vodafone rimane sempre aperta nonostante l'operatore britannico premesse per una soluzione globale mentre sembra aver perso credito, per le voci di una prossima presunta cessione, la candidatura della 3 H3G.
Sarà quindi la Tim, che pare abbia a più riprese incontrato Jobs, a portare l'iPhone in Italia all'inizio del 2008?

Leggi tutto l'articolo