Le malefatte dell'orco

Una certa analogia con il folletto, se non nell'aspetto fisico, certamente in quello comportamentale, si può trovare nell'orco, la cui figura fa capolino qua e là anche nei racconti della Valle Brembana, pur senza l'assiduità con cui appare in altre zone.
Le caratteristiche somatiche dell'orco erano particolarmente terribili: si trattava di un essere gigantesco, una sorta di Polifemo violento e crudele ' che si cibava volentieri di bambini piccoli, che sottraeva dalle culle allungando a dismisura le sue braccia fin dentro le camere da letto.
Tra le prerogative del mostro c'era infatti quella di aumentare le sue dimensioni, tanto che qualcuno asseriva di averlo visto attraversare il Brembo con un solo passo o mettersi a gambe divaricate sopra un ponte divertendosi ad osservare la reazione di chi vi transitava, per non dire di quando stava in precario equilibrio sui tetti di due case situate ai lati opposti di una strada o addirittura sopra aguzzi speroni rocciosi posti sui due versanti ...

Leggi tutto l'articolo