Le mano a vvoi e la bbocca...

Le mano a vvoi e la bbocca a la mmerda Ajjo, (1) cazzo! che ppizzico puttano! Te penzeressi (2) ch'abbi er cul de pajja? È tutta sciccia; e nun ce porto majja, antro che (3) sto boccon de taffettano.
Co la bbocca, va bbe', ddimme canajja, e ppú...
e bbú..., mma ttiètte a tté le mano.
Giochi de mano, ggiochi da villano; e la tua pare propio una tenajja.
Fermo, ve dico, sor faccia ggialluta.
Fateve arreto; e ssi vve piasce er mollo, annate a smaneggià le chiappe a Ttuta.
Te seggno, Pippo ve'! Pippo, te bbollo.
Te ne vai? famme sta grazzia futtuta.
Sia laüdat'Iddio! Rotta de collo! Note: 1 «Ahi».
2 Penseresti.
3 Fuorché.
Giuseppe Gioachino Belli 10 ottobre 1830 (Sonetto 85)

Leggi tutto l'articolo