Le metastasi di una giustizia al massacro

Un cancro che non guarisce, e che ormai sta portando il Paese alla diffusione letale di tante metastasi quanti sono i tribunali e le procure.
Questo è un altro dei punti fermi che contraddistinguono l’autunno più devastante della Repubblica: la crisi della giustizia.Con un ministro, Orlando, che ipocritamente sguinzaglia ispettori in giro per la penisola, ad indagare la lobby degli intoccabili: giudici sordi alle preghiere di madri, figlie, padri e parenti che denunciavano violenze, taccheggi, minacce, e poi le ragazze, oggetto dell’allarme, vengono assassinate; altri, che mettono in libertà stupratori seriali, solo perché hanno la pelle nera, e sono migranti.
Il sottoscritto, che tre anni fa aveva raccolto le prove, primo fra tutti, che Mario Monti stava regalando al MPS 4.5 miliardi col trucco, gettandoli in mano a quelli che, poco dopo, sarebbero risultati banchieri non solo criminali ma assassini (gettando dalla finestra l’unico funzionario onesto tra loro, ipotesi benignamente res...

Leggi tutto l'articolo