Le presidenze americane, e la falsa democrazia

Ci sono Presidente americani “criminali”, perché convinti, sia politicamente sia “religiosamente”, che il modello di democrazia americano, nato dentro le logge massoniche inglesi e francesi, e poi importato dai vari La Fayette, Jackson & C.
tra i coloni di Sua Maestà, è il più perfettibile al mondo, e va imposto anche con la forza militare: e vedono in essa uno strumento che va utilizzato, esattamente come fecero gli imperi coloniali, verso i popoli deboli e sfruttati (vedi il Medio-Oriente, l’America Latina, le Filippine, l’Afghanistan); e ci sono Presidenti “criminali”, che, partendo dagli stessi presupposti, ma convinti che il brutale peso militare conti molto di più della filosofia spicciola degli ”evangelici”, hanno in mente di far uscire gli Usa dalla loro crisi irreversibile (che dura dal 1929, e si è poi rinnovata di vent’anni in vent’anni!), rafforzando semplicemente l’industria pesante, che produce cannoni e tecnologie d’assalto, per poi scatenare guerre, non tattiche, ma str...

Leggi tutto l'articolo