Le quattro volte di Frammartino e Pitagora

Le quattro volte.
Umano, animale, vegetale, minerale.
Questi quattro mondi raccontano la storia del mondo per Pitagora e per il regista Frammartino che dal filosofo prende ispirazione.
E' così allora che le immagini che ci sono proposte raccontano questo passaggio in cui annega qualsiasi visione dell'uomo di interpretare il tempo.
Sparisce, simmetricamente allo stesso modo nel film, anche qualsiasi tipo di liturgia religiosa tesa a dare senso al nostro passaggio terrestre, non tanto perchè non abbia senso ma perchè ridondante.
Che deve fare l'uomo? Vivere al meglio il suo rapporto con la natura mai su un piano di tirrania che schiaccia le altre sfere ma su un piano orizzontale con la consapevolezza di essere gli unici a fare il tipo di riflessione che il regista propone.
L'uomo non è il centro, concepisce la circolarità tra le varie sfere ma non è il vertice.
Solo se si è consequenziali a queste riflessioni si potrà vivere il tempo proprio che ci è assegnato.
Immersi e consapevoli del ciclo vitale a cui si appartiene e grati per esserne parte ecco il suggerimento che dalle terre di calabria dove è girato il film arriva dal regista fino a questo blog.

Leggi tutto l'articolo