Le scuse di Di Maio per la foto del M5S sul malore di Berlusconi

Sul profilo Instagram ufficiale del Movimento 5 Stelle è stata pubblicata una vignetta per commentare la reazione di Forza Italia davanti ai dati positivi sulla produzione industriale.
Per farla è stata utilizzata la foto del malore che Silvio Berlusconi ebbe durante un comizio nel 2013.
Il meme è stato rimosso per ordine del vicepremier Luigi Di Maio, che ha dichiarato in una nota di Adnkronos: “Ho appreso ora di un post pubblicato sulla pagina Instagram del M5s senza che io ne sapessi nulla.
Un post che ritengo del tutto infelice e di cattivo gusto e che non rappresenta in alcun modo i valori e le sensibilità del M5s.
Ho immediatamente chiesto di rimuoverlo”.
Il capogruppo M5S della Camera, Francesco D’Uva, ha invece risposto alle critiche su Twitter, rispondendo ai tanti post indignati degli utenti.
“Sbagliato usare quella foto, è stata rimossa.
Ci sono tanti argomenti per criticare gli anni di governo di Berlusconi, ma sulla salute non è mai il caso di fare ironia”.
Le polemiche sulla foto del M5S Il primo a insorgere dopo la pubblicazione della foto è stato il senatore Sestino Giacomoni, che in una lunga nota su Facebook ha accusato i pentastellati di aver strumentalizzato la foto, richiedendo l’intervento dei capi del partito di Grillo.
“Questa vergognosa grafica è stata pubblicata sul profilo ufficiale del Movimento 5 Stelle […].
Non si preoccupino i grillini, il Presidente Silvio Berlusconi è in forma e Forza Italia è stata determinante per far vincere il centro destra in tutte le Regioni chiamate al voto nell’ultimo anno.
Gli unici ad aver perso voti e consenso da quando governano sono loro.
Spero davvero che il M5S si scusi per questa vergogna e che i suoi alleati e le altre forze politiche prendano una posizione chiara su vergognose strumentalizzazioni di questo tipo”.
Anche la senatrice Licia Ronzulli, assistente personale di Silvio Berlusconi e ex infermiera, secondo quanto riportato da Adnkronos, non ha risparmiato parole forti ai grillini.
“Purtroppo al peggio non c’è mai fine e il m5s è riuscito a scendere ancora più in basso in quanto a sciacallaggio, squallore e disumanità”.
La vicepresidente della Camera, Mara Carfagna, ha invece scelto Twitter per esprimere la sua indignazione.
“Utilizzare il malore di un leader politico come slogan elettorale è a dir poco squallido e di pessimo gusto.
A tanto è disposto il #M5S.
Giudicate voi.
Non ci piace la politica fatta di solo odio.
Per noi la politica è tutt’altra cosa, ma loro non lo sanno”.