Le stelle innamorate

Le stelle innamorateQuante vorte, incantato, guardo er celopinticchiato de stelle, quante vorteme sento scorre' un brivido de mortementre er core è de gelo!Davanti a le bellezze der creatome sento triste, sì, ma innamorato;e la passione pe' le cose belleme fa parlà' persino co' le stelle:«Stellucce che fremete e parpitatecome frememo e parpitamo noi,nun potete negà' che puro voiciavete un core e séte innamorate ...Se vede da la gioia che mostrate! ...Lo dice lo sprennore che ciavete! ...Ma chi ha saputo conquistavve er core?chi v' ha acceso la fiamma che ve brucia ?chi ve fa parpità'? ched'è 'st'amore? ...Ma voi nun risponnete,l'amore vostro nu' lo rivelatee 'sto segreto ve lo conservatecome cosa gelosa!Embè', si nun voleteconfidacce li sogni più beatiche sognate coll' occhi imbrillantati,allora permetteteche 'sto segreto lo riveli io:l'amore vostro è Dio!».Ottavio LanciottiDa Strenna dei Romanisti, 1948, pagg.
232

Leggi tutto l'articolo