Leopardi: L'infanzia, le città, gli amori

Isolato nel suo palazzo, nel soffocante microcosmo familiare, tra i genitori - la madre gelida, il padre debole e colto - e il fratello, la sorella, i domestici, i precettori, cresce in queste pagine un curioso e sognante bambino.
Diverrà un autentico mostro sacro della nostra letteratura: il più amato, ma anche il più frainteso.
Dai giochi e dai terrori dell'infanzia allo scontro con la Roma dei potenti, dei postulanti, dei letterati che trescano con la gloria.
Dalla sofferenza della diversità fisica, oggetto di continua maldicenza, ad una passione infelice vissuta sotto la tutela del chiacchieratissimo Ranieri.
Fino alla sopravvivenza degli ultimi anni nella Napoli chiassosa dei Lazzaroni e dei Pulcinella, seduto magari a sorbire caffè zuccheratissimi e a succhiare coloratissimi mantecati, mentre incombe il terribile colera del 1837.
Avendo come modelli alcuni grandi ritrattisti quali Charles Lamb o Saint-Beuve, Renato Minore racconta Leopardi.
Con vera pazienza innamorata, dissolve ...

Leggi tutto l'articolo