Lesbiche deluse: "Niente papà? Niente bambino"

Chiara Foglietta, consigliere comunale di Torino, forse non ha capito che la legge italiana non riconosce l'affidamento di una bambino a due mamme.
Foglietta è lesbica, e questo si era capito, aveva un relazione con un'altra donne e le due hanno pensato bene di fare un bambino attraverso il concepimento assistito.
Ma quando la donna si è recata all'ufficio anagrafe per registrare il neonato gli ufficiali pubblici hanno negato il consenso, suggerendole di mentire dicendo che era figlio di una sola donna.
Nulla da fare. La Foglietta non ha voluto sentire ragioni. Per lei il bambino ha diritto di essere accudito da due mamme, mentre gli ufficiali comunali non hanno nemmeno voluto registrarlo falsamente come frutto del seme di un donatore maschile anonimo.
Ma questa consigliere lo sa che in Italia l'adozione di un bambino tra una coppia omosessuale è vietata? Lo sa che per madre natura un bambino deve nascere da un uomo e una donna, che deve crescere con un papà e una mamma e non con d...

Leggi tutto l'articolo