Liberato il carabiniere rapito in Yemen

Articoli correlati Yemen, identificato rapitore carabiniere italiano....
Liberato Alessandro Spadotto Yemen, il rapitore del carabiniere annuncia: "Spad...
Yemen, parlano i rapitori Spadotto libero in 48 or...
Yemen, San'a: Carabiniere italiano rapito nelle ma...
Alessandro Spadotto, il carabiniere rapito in Yemen è tornato in Italia.
Il papà: "E' tutto vero, siamo felicissimi" Commenta Alessandro Spadotto, il carabiniere addetto alla vigilanza e alla sicurezza presso l'ambasciata italiana nello Yemen, liberato ieri, è arrivato in Italia.
L'aereo, un Falcon 900, proveniente da Sanàa, con a bordo il militare, è atterrato sulla pista dell'aeroporto militare di Ciampino alle 15,44.
Spadotto libero - Spadotto, in una telefonata fatta ai genitori, aveva detto di stare bene e di essere stato trattato abbastanza bene.
Il carabiniere, addetto alla sicurezza dell'Ambasciata italiana, era stato rapito quattro giorni fa, mentre era in un negozio nei pressi della sede diplomatica, dal clan tribale dei Jalal.
La notizia del rilascio è arrivata in Italia dal presidente dell'associazione italo-yemenita, Arhab al Sarhi.
E, a stretto giro, è stata confermata da qualificate fonti italiane e dalla Farnesina.
La conferma di Terzi: sta tornando a casa - "Gli ho appena parlato.
Sta bene, è in Ambasciata a Sanaa e si sta preparando a rientrare in Italia nelle prossime ore", aveva detto il ministro degli Esteri Giulio Terzi al termine della conversazione con Alessandro Spadotto, il carabiniere liberato ieri in Yemen.
Spadotto, ha aggiunto, "é un italiano che indossa la stessa divisa con cui migliaia di carabinieri tengono alta la bandiera del nostro Paese non solo in patria, ma in tante aree di crisi nel mondo, dove sono rispettati e ammirati da Governi e popolazioni".
Papà Augusto: "E' tutto vero, siamo felicissimi" - E da San Vito al Tagliamento, città natale del carabiniere, il padre Augusto a stento trattiene l'emozione: "E' tutto vero, me lo ha confermato la Farnesina.
Siamo felicissimi", sono le sue prime parole: "ringrazio tutti, istituzioni, paese, Arma, amici e parenti.
Ma adesso lasciate libero il cellulare, mi hanno detto che sta bene ma devo sentire Alessandro..", si congeda rapidamente.
"Grande soddisfazione" arriva anche dal ministro degli Esteri, Giulio Terzi che sottolinea la "rapida soluzione del caso, resa possibile grazie alla straordinaria collaborazione fornita dalle autorità di Sanaa".
"Si tratta di un successo che è ancora una volta - aggiunge il capo della diplomazia italiana - il risultato del lavoro [...]

Leggi tutto l'articolo