Libert� di Essere.

Un maestro diceva che solo chi comincia a porsi delle domande sulla propria esistenza, “Chi sono..
da dove vengo..
cosa sono venuto a fare..”, può considerarsi vivo.
“Gli altri semplicemente esistono..
vivono cioè solo finché riescono a respirare…”.
Per certi versi la situazione, o considerazione, ha qualcosa di drammatico.
Perché pone di fronte ad una realtà bizzarra, quale quella di dover convivere quasi con della materia inerte.
Forse, quella solitudine che sempre abbiamo in qualche modo vissuto e sentito, era dettata, oltre che dalla separazione dalla Sorgente, anche dal fatto di non avvertire attorno a noi molto risveglio.
Nessuno che si chiedeva chi fosse, e cosa fosse venuto a fare.
E quale fosse la sua Causa nativa.
Esistenze che sembravano scorrere nell’apatia più assoluta.
Nella completa assenza di vita, in verità.
Certo è dipeso molto anche da noi.
Tutto attorno c’è comunque vigore.
Gli alberi, la natura, gli animali.
Però, avvertire un qualche sussulto è sempre stato un i...

Leggi tutto l'articolo