Libertino o molestatore?

La differenza è sostanziale: il primo è fiero di essere tale e, fuor di metafora, lo griderebbe al mondo intero; il secondo, al contrario, è terrorizzato dal pensiero che qualcuno possa intuire la sua vera natura e infatti è sempre pronto a fare un passo indietro, a dissimulare.
E poi c'è il capitolo sesso tout-court a separarli: il libertino racconta e, in tempi di magra, millanta; il molestatore può solo raccontarsela.
Ed eiaculare in solitudine.

Leggi tutto l'articolo