Lidia Ianuario,La singolare Signora Muller nel romanzo di Aldo Di Mauro

La singolare Signora Muller nel romanzo di Aldo Di Mauro MARTEDÌ 25 GENNAIO 2011 05:54 Un romanzo commovente, toccante, non banale, che affronta una tematica non facile, quella del dolore, con un linguaggio alla portata di tutti.
Una trama semplice e complessa al tempo stesso, che dimostra come, tramite l'amore, tutto possa essere modificato e superato.
È questo il messaggio profondo di "Terapia del dolore", di Aldo Di Mauro, edito da Graus Editore, dove ogni particolare è curato con dolcezza: dal luogo dove è ambientato, un centro per anziani, alle caratteristiche di ogni personaggio - tra cui spicca per simpatia Clara Muller, donna intelligente e sensibile, a cui si contrappone la razionalità, quanto l'umanità, del figlio Gianfranco, psichiatra affermato – alla scelta dei dialoghi.
Particolare è la figura di Francesca Staiano, vera protagonista dell'opera: una donna che, rifiutandosi di accettare il lutto del marito e del figlio, riesce, con la sua apparente fragilità, a presentare al lettore una valida alternativa al cosiddetto "male del secolo", la depressione: è grazie all'innamoramento e alla fiducia che nutre per lo psichiatra, che lei cambierà la propria vita e scalfirà anche le certezze dello stesso, così preso dal suo lavoro da dimenticarsi di sé.
"Terapia d'amore" non è un semplice romanzo, ma un'importante riflessione sull'importanza dell'ascolto, come atto supremo d'amore.
È un'analisi psicologica su quanto lo stesso, nelle sue varie espressioni, sia alla base di ogni rapporto umano.
È per questo motivo che affascina il lettore: egli segue ogni stato d'animo, ogni pensiero, ogni emozione descritta.
Solo uno scrittore, nonché poeta e saggista come Aldo Di Mauro, avrebbe saputo dare quella magia, quella delicatezza, quel tocco di forte condivisione di cui ogni lettore ha bisogno.
Probabilmente la scelta di un linguaggio così ironico, ma non superficiale, è stata attentamente studiata.
C'è tanta speranza nelle parole dell'autore :"Il buio non mi ha spaventato perché sapevo che nel fondo della tua anima avrei trovato tanta luce! Non bisogna mai fermarsi sull'uscio dell'anima ma incontrarsi e prima o poi incontri l'amore!".
Aldo Di Mauro non si è arrestato.
Della stessa casa editrice, infatti, è da menzionare il saggio "Il dolore.
Perché?" nonché altri volumi pubblicati, quali: "Parole e cose"; "Tracce di vita"; "Elogio della filosofia"; "Occhi negli occhi";  "Ma tu chi sei".
Lidia Ianuario

Leggi tutto l'articolo